VelcoFin InterLocks- Alpo Villafranca terminata 57-54 (14-15, 22-28, 41-41)

  • Valentina Stoppa

Comunicato Stampa 28 aprile

Tabellini

VelcoFin InterLocks: Matic 10, Chicchisiola 7, Destro Martina, Monaco 2, Colombo, Destro Federica 2, Stoppa 19, Mioni, Gamba, Ferri 2, Santarelli 11, Zanetti 2.

All. Aldo Corno

Tl 11/13  tiri da due 20/45   tiri da tre  2/16   Roff 14   Rdif 25  PP 16  PR 11

Alpo Crema: Pertile 9, Vespignani 3, Dell’Olio, Galbiati 11, Zanella Baciga e De Rossi ne, Scarsi 7, Zampieri 10, Pastore, Ramò 11, Cecili 3.

All. Nicola Soave

Arbitri Francesca Cavedon di Udine e Marco Zuccolo di Pordenone

Tl 5/8  tiri da due 14/34  tiri da tre 7/21   Roff 11  Rdif 26   PP 19  PR  11.

Partitissima! L’avevamo previsto e chi non ha ascoltato il nostro invito di venire al palasport ha perso l’occasione per assistere a una partita vera e davvero bella. Il risultato non contava perchè in ogni caso Alpo era terzo e Vicenza settimo. Ma le due squadre si sono affrontate a viso aperto senza mai tirare a campare, mettendo in campo grandissima aggressività con la evidente volontà ambedue di vincere. La non classica partita di fine anno da sbadigli! Merito alle giocatrici, merito agli allenatori. Alla fine ha prevalso meritatamente VelcoFin InterLocks in virtù di un secondo tempo magnifico.

Si parte con una bomba di Ramò a cui risponde Santarelli che così festeggia il suo 25esimo compleanno: 3-3, 5-5 (ancora Santarelli), 7-5 con Stoppa, unico vantaggio vicentino del primo atto. Alpo reagisce e si porta al massimo vantaggio al 9°- 9-15-, ma Federica Destro e Chicchisiola con un 2 più uno ricuciscono 14-15. Il secondo periodo vede Alpo sempre in testa fino a 18-26 al 7° minuto, ma rispondono Matic e Monaco; chiude Ramò sul 22-28. Il secondo tempo è elettrizzante. La svolta al 3°: sullo svantaggio di 24-34 Corno becca tecnico per proteste. Sul 24-35 inizia una nuova partita: Corno ordina la 1-3-1, refugium peccatorum, l’arma in più di Vicenza, e la difesa diventa una ragnatela di gambe braccia teste mani, da far impallidire la selva oscura di dantesca memoria, in cui Alpo perde il filo delle sue sicurezze fin qui dimostrate. Le giocatrici beriche diventano leonesse. Su tutte sua maestà Valentina Stoppa, regina nell’uso del piede perno, che suona la carica: 7 punti suoi consecutivi spingono Vicenza a realizzare un 15-2 strepitoso che porta a concludere il terzo quarto sul 41 pari: partita riaperta, avvincente e il pubblico in visibilio si infiamma. Il quarto tempo parte con un canestro di Pertile, ma ormai le giocatrici vicentine non mollano l’osso. Pari di Stoppa, ancora Chicchisiola, poi Cecili da tre e Zampieri portano Alpo all’ultimo vantaggio 45-48 al 3°. Si erge a protagonista Matic con due canestri consecutivi seguiti da un canestro di Stoppa dall’angolo, che fanno mettere la freccia a Velcofin InterLocks 51-48 al 6°; non viene più raggiunto. Ma il finale torna palpitante perchè a un minuto dalla fine Zampieri con un tiro dalla distanza riporta Alpo sotto a 55-54. E chi si incarica di mettere il suggello? Lei, Valentina Stoppa (17 i suoi punti nel secondo tempo, per un totale di 6/6 da due e 7/8 ai liberi); e che cosa impedisce ad Alpo di concretizzare l’ultima decisiva  azione? La difesa “cattiva” di Corno, che permette di recuperare l’ultimo pallone, venuto saldamente in mano a Francesca Santarelli. Ci piace sottolineare come Corno abbia messo sul parquet tutte le 12 giocatrici a referto. Le vuole pronte e reattive perchè da mercoledì si comincia da capo con la ghigliottina dei playoff. Il primo maggio alle ore 18.00 VelcoFin InterLocks se la vedrà con la seconda classificata cioè Crema, certamente una delle squadre più forti della A2, recente vincitrice della Coppa Italia A2. Già sabato 4 il ritorno in Lombardia e da lì verrà il primo responso senza appello. Forza ragazze, forza Vicenza!

Ufficio Stampa

A.S. Vicenza VelcoFin InterLocks

Niente risposte to "VelcoFin InterLocks- Alpo Villafranca terminata 57-54 (14-15, 22-28, 41-41)"


    Qualcosa da dire

    Some html is OK